Nightwatch

Nightwatch è la seconda città più grande della nazione, appartenente al ducato dei Gregori. E’ stata costruita nell’unica valle che collega le desolate terre gelide del nord con le fiorenti città del centro.

Politica

La città è gestita da un sindaco votato dai cittadini con potere esecutivo, affiancato poi dal capostipite della famiglia Gregori che hanno potere di veto.
Attualmente è in carica come sindaco l’onorevole Francesco Agnopolis, 64 anni, al suo terzo mandato. Con potere di veto c’è da ormai oltre 40 anni il Duca Mattia Gregori, alla soglia dei 93 anni.

Religione

Ci sono molti luoghi di culto a Nightwatch, il più grande è la Cattedrale della Guardia, dove risiede il cardinale Novacelli, 74 anni. Bisogna anche annoverare fra i luoghi di culto importanti le Catacombe nella Montagna, una magnifica galleria scavata e scolpita nella roccia dove molti importanti nobili del passato sono stati seppelliti. L’ultima salma seppellita laggiù è il figlio maggiore del duca, Duca Giacomo Gregori, morto nelle fasi finali della Guerra dei Cento Anni.

Luoghi di interesse

  • Convento del sacro ordine degli Ospedalieri – piccolo fortino costruito sul versante di una delle due colline che circondano la città. I monaci hanno fatto voto di soccorso verso qualunque cristiano abbia bisogno di cure, i malati però sono spesso soggetti a un’offerta verso i pii monaci. I pagani non hanno diritto alle cure del convento.
  • Sala dell’Idromele – grossa locanda all’ingresso nord della città, a ridosso del cancello. Posto spesso frequentato da pagani, milizie della famiglia Bernardi provenienti da Forte Neve, guardie cittadine del cancello e, ahimè, venditori di droghe. Locanda molto spesso soggetta a retate, sia di natura penale che di natura religiosa, fu da qui che l’amante del duca e il suo figlio naturale furono portati via.
  • Torre della guardia – Antica torre dalla quale sorse l’intera città, questa torre era probabilmente un punto di osservazione importante contro le scorribande delle tribù del nord, ormai estinte. Ora è utilizzata come prigione, sotto il completo e assoluto controllo del Duca.
  • Banca degli Artoni – La seconda sede in grandezza della banca della famiglia Artoni, questa tiene al sicuro i risparmi dei cittadini da ormai quasi un secolo, eroga anche prestiti i cui tassi sono molto poco vantaggiosi. Si dice che per far fronte alla Guerra dei Cento Anni la famiglia Gregori abbia chiesto un oneroso prestito, non si sa altro.

Economia

La città commercia legno, pietra, minerali preziosi e non estratti dalle miniere. Inoltre è l’unico produttore di Idromele e l’unico esportatore degli squisiti Salmoni Affumicati provenienti dal lago cristallo lavorati dalle sapienti mani della famiglia Bernardi.

Storia degli ultimi anni

Circa trent’anni fa il Duca Mattia Gregori si ritirò dalla scena politica in seguito al contagio con una malattia rara, che permise quindi a Giacomo Gregori, ritenuto fino a quel momento disabile mentale a prendere il titolo di Duca e a prendere anche parte alla guerra. In guerra portò molte vittorie, sfatando il mito del suo presunto handicap. Di ritorno dalla guerra circa vent’anni dopo tornò con una amante e un infante, cosa che indignò non poco il cardinale, nel giro di una notte lei e il bambino che aveva partorito sparirono. Il Duca misteriosamente morì per una ferita riportata in guerra, gli ospedalieri non poterono fare nulla per salvarlo. Sua moglie non gli aveva dato figli, perciò il vecchio Mattia si rialzò dal letto e prese posto sullo scranno del duca nelle riunioni per l’amministrazione della città. Girano strane storie intorno al Duca, storie che possono costare la morte a chi le racconta, fatto sta che sono stati visti molti bambini essere portati dalle guardie all’interno del castello, nelle ore tarde della notte. Nessuno ha mai fatto ritorno.

Nightwatch

Agitazioni a Nightwatch Erevar